Home » Bulgaria, Sofia

Bulgaria: Sofia e Plovdiv, l’ideale per un weekend economico fuori dalle solite rotte

10 marzo 2013 Nessun commento

Sofia capitale bulgaraSofia, la capitale bulgara, magari abbinata a una gita a Plovdiv sono l’ideale per un weekend economico fuori dalle solite rotte. Noi ci siamo stati per un bel weekend lungo in Bulgaria. Scelta dettata dal fatto che per il ponte di ognissanti molte delle destinazioni aeree con le compagnie low cost avevano già dei costi alti, così abbiamo prenotato per Sofia.

La città di Sofia non è grande e il centro è tranquillamente visitabile a piedi. Abbiamo trovato un alloggio abbastanza vicino al centro (si trova da dormire dai 15 ai 40 euro a notte in doppia) e ci siamo mossi spesso a piedi o con i tram.

Per alloggiare due scelte economiche molto comode per il centro possono essere:
DANNISH hostel nel quartiere affari: camera doppia a circa 20 euro a testa in centro oppure Art Hostel nei pressi del corso Vitosha oppure Hostel E-Sport.

All’arrivo in aeroporto c’è la possibilità di prelevare e di spostarsi in centro con l’autobus, la navetta o il taxi (vedi post a riguardo). In città ci si muove a piedi o in metro o in tram a prezzi ridicoli. I biglietti del tram si comprano ai chioschi nei pressi delle fermate o direttamente a bordo con dei distributori a monetine.

Per un weekend vi consiglio di visitare Sofia: le principali chiese ortodosse, la via Vitosha e vie limitrofe e le altre vie pedonali chiuse al traffico, l’opera, i parchi.
Se avete a disposizione un terzo giorno recatevi a Plovdiv a due ore di pullman o treno.
Se avete un quarto giorno ed il tempo è bello, salite sulla montagna: il monte Vitosha è a 45 minuti da Sofia
Se avete un quinto giorno andate al famoso monastero di Rila.

L’unica difficoltà in Bulgaria può essere leggere le scritte in cirillico, ma basta stampare un foglio con la corrispondenza dei caratteri nel nostro alfabeto e una volta pronunciate correttamente molte parole diventano comprensibili, soprattutto i nomi dei posti e delle strade.
Info utile: bagni pubblici gratuiti in centro all’ex mercato ora centro commerciale
Cosa comprare: scarpe, scarpe e ancora scarpe, pelletteria, artigianato in terracotta: vasi e piatti decorati, roba vintage o merletti dagli ambulanti.

Tutta la Bulgaria è economicissima per tutto, i prezzi sono circa la metà rispetto all’Italia, per mangiare, dormire, comprare :). Tra i paesi dell’est che abbiamo visitato è quella con meno residui comunisti a livello di architettura, passeggiare per le vie anche quelle residenziali è piacevole, in alcuni tratti sembra più di stare in Grecia che in un ex paese del blocco sovietico, anche per il tipo di cibo e per la gente.

Nel prossimo post una guida veloce su Plovdiv e l’itinerario dettagliato delle cose da vedere a Sofia in due giorni e su dove e cosa mangiare.



Share

Lascia il tuo commento!

Scrivi qui il tuo commento, o trackback dal tuo sito. Puoi anche subscribe to these comments via RSS.

Sii gentile, chiaro, resta in argomento. No spam.

Puoi usare i seguenti tafg html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un blog Gravatar-enabled. Per avere il tuo gravatar universale registrati a Gravatar.